Stampa
13
Apr

60 anni dalla “Marcia della Fame”. Quel 14 aprile del 1957 riguarda tutti noi. Documento della CGIL BN

. Posted in Articoli

Venerdì 14 aprile ore 9.30 Corteo per le strade di S. Bartolomeo in Galdo per ricordare la "Marcia della fame" del 14 aprile 1957.

#avantidiritti
#cgilbenevento

In questi giorni l'Istituto di Istruzione Superiore “Medi-Livatino” di S. Bartolomeo in Galdo sta ricordando la "Marcia della fame" nel suo sessantesimo anniversario; avvenimento che vide i contadini del Fortore organizzarsi, con il ruolo decisivo della Cgil, per porre all'attenzione dello Stato e del Paese le drammatiche condizioni di vita dei lavoratori della terra e delle popolazioni in una delle zone più povere della nazione.

Il momento culminante della lotta fu, appunto, l'organizzazione della Marcia che, il 14 aprile 1957, domenica delle Palme, partì con l’obiettivo di raggiungere a piedi la capitale d'Italia.
Il tentativo rimase tale, perché, nonostante la caparbietà, i "marciatori" – uomini, donne, bambini - non riuscirono ad uscire dalla Valfortore per l'intervento massiccio delle forze di polizia, violento come era solito in quegli anni.
Domani alle ore 9.30 quell'avvenimento, che “nobilitò” l'intera provincia, avvicinandola alle altre zone del Mezzogiorno d'Italia che si battevano per condizioni di lavoro migliori e per avere la certezza di poter coltivare un pezzo di terra, verrà ricordato con un corteo che attraverserà le strade di S. Bartolomeo in Galdo.
La CGIL domani, come sessanta anni fa, sarà presente.
All’Istituto scolastico di S. Bartolomeo in Galdo va tutto l’apprezzamento della nostra Organizzazione, per l’argomento trattato e per averlo affrontato con le nuove generazioni. Coltivare la memoria del proprio territorio è indispensabile per la crescita dei giovani e tale tematica, affrontata nella sua complessità, certamente aiuta nella formazione di cittadini con pensiero critico.
L’istituto scolastico, i docenti impegnati, la dirigente, tutto il personale, gli alunni che hanno vissuto con entusiasmo questo impegno, che si è articolato su più versanti, storico e artistico, testimoniano l’importanza e, per molti versi, l’insostituibilità della scuola pubblica, che, proprio per questo, per svolgere al meglio il suo ruolo costituzionale, avrebbe bisogno di maggiori strumenti e più supporto da parte degli organismi deputati e non improvvisate e dannose “riforme” come negli ultimi anni, mesi e settimane.

SEGRETERIA CGIL BENEVENTO
Benevento, 13 aprile 2017