Stampa
02
Giu

"Salvini denuncia la CGIL. Motivo in più per continuare il nostro lavoro!" . Documento della CGIL di Benevento

. Posted in Articoli

Salvini denuncia la CGIL. Motivo in più per continuare il nostro lavoro!
Esprimiamo la massima solidarietà al compagno Giuseppe Massafra, segretario nazionale, per l’attacco ricevuto dal vice premier, ministro dell’interno e capo della Lega, Matteo Salvini, con la minacciata querela per una dichiarazione non apprezzata espressa sul decreto cosiddetto sblocca cantieri.


Bene ha fatto la CGIL Nazionale a dichiarare che è l’intera CGIL, i suoi 5 milioni di iscritti, ad autodenunciarsi.
Siamo in presenza di un grave e chiaro atto intimidatorio rivolto alla CGIL e, tramite essa, all’intero sindacato.
Quando i potenti mostrano i muscoli, ad esempio con l’uso della querela (semmai utilizzando anche strutture e risorse dello Stato), una sorte di “manganello” virtuale, la situazione è decisamente preoccupante.
C’è un imbarbarimento del dibattito politico, incentivato principalmente dalle forze cosiddette del cambiamento. C’è l’arroganza del potere che pretende di esaminare e dare pagelle alle idee e alle iniziative democratiche, fino a censurare le diversità di pensiero. Gli attacchi a giornalisti, anche in queste ore, ma, anche se in campo diverso, il caso della professoressa Rosa Maria Dell’Aria, in tal senso sono esemplificativi del clima socio-politico.
L’attacco ad un’organizzazione democratica fa comprendere l’idea che una parte della politica ha della democrazia.
Vogliamo assicurare che la CGIL continuerà ad esprimere le proprie idee, opererà per diffonderle, si batterà per la loro affermazione. Continueremo a lavorare nell’interesse dei lavoratori e dei più deboli, contrastando le politiche antipopolari.
Ed ogni volta che ci troveremo di fronte ad un atto governativo che non ci convincerà o che considereremo pericoloso, non avremo tentennamenti a denunciarlo pubblicamente, e ripeteremmo, se si ricreassero le stesse condizioni, che siamo in presenza di “un disegno lucido che regala alle mafie e alla corruzione spazi enormi di agibilità”, posizione che abbiamo espresso in questa occasione sul decreto sblocca cantieri.

Nessuna descrizione della foto disponibile.